A Chicago il giornalista robot è realtà.

Cioè, a spiegarla in soldoni, un sistema di software riesce a costruire un articolo su una partita di baseball considerando:

– le informazioni disponibili online sul tema.

– le possibili evoluzioni di una partita elaborate dalle informazioni statistiche sullo sport in questione.

Secondo gli autori, il giornalista robot non servirà a sostituire il giornalista umano, ma ad aiutarlo nelle fasi più quantitative del lavoro, lasciandogli il tempo di concentrare l’attenzione sul ben più importante giornalismo investigativo.

No, niente. E’ che mi viene un po’ da ridere. Vai a spiegare a certi giornalisti che, tolti i gravosi compiti di prendere spunti qui e lì e scrivere ciò che di prevedibile si può scrivere di una partita di calcio, dovranno iniziare a lavorare seriamente.

ansa.it

(Maurizio)

Annunci