torna uno dei tormentoni di, credo, almeno una quindicina di anni fa. Incentivare le radio che trasmettono musica italiana.

Quella di promuovere la musica nostrana è un’idea che, appunto, iniziò a circolare già diversi anni fa, quando in Francia si decise che le radio avrebbero dovuto dedicare almeno il 40% della programmazione musicale alla musica francese. Quarantapercento. 

Già ai tempi mi venne da commentare ciò che mi viene da commentare tuttora, e cioè che l’Italia non è la Francia. In Italia esiste una vasta produzione musicale locale, e il pubblico ha sempre gradito canzoni e canzonette di gruppi e cantanti italiani. 

Quindi risparmiateci. Voglio dire, una delle radio più ascoltate d’Italia trasmette solo musica italiana. Alcuni grossi circuiti nazionali trasmettono solo musica italiana. Un gran numero di radio locali trasmette solo musica italiana. E’ proprio il caso? 

Forse sarebbe il caso di incentivare semplicemente la produzione dei giovani talenti a prescindere, che tanto la musica italiana va già forte di suo. 

(Maurizio)

libero-news.it/adnkronos

Annunci